FOCUS – Cremonese, tra esaltazione ed equilibrio: bisogna tornare a vincere

Cremonese

Fino a gennaio, bisogna ammetterlo, in molti vedevano nella Cremonese la vera rivelazione del campionato. Tornati in B dopo undici anni, i grigiorossi sono riusciti ad inanellare una serie di prestazioni che, durante il girone d’andata, avevano fatto nascere nei tifosi, e probabilmente anche nei calciatori, l’ambizione ed il desiderio di poter puntare a qualcosa di più di una comunque fondamentale salvezza. Basti pensa che, fino al mese di febbraio, i ragazzi di Attilio Tesser avevano perso appena tre volte in un torneo, la Serie B, che quest’anno ha dimostrato di saper essere davvero competitivo. Merito di organizzazione di gioco e di un mix di calciatori esperti e novizi della categoria, o comunque in cerca di conferme.

GIRONE DI RITORNO, LE COSE CAMBIANO

Esatto, perché a partire dal girone di boa l’interruttore della Cremo sembra essersi spento. La vittoria manca dalla gara contro il Parma (decisiva la rete last minute di Cavion, uno dei calciatori maggiormente messosi in mostra in questa stagione, nonostante sia alla prima stagione in cadetteria) e, oramai, sono passati undici turni senza gioire per i tre punti. A cosa è dovuto ciò? Difficile da dire. In primis, è giusto ribadire che l’obiettivo delle Tigri, come ribadito a più riprese anche dai tesserati del club, è sempre stato la salvezza. Le ottime prestazioni del girone d’andata avevano creato le prima citate aspettative diverse dalla realtà, che parla di una buona squadra, con ampi margini di miglioramento ma che, prima di alzare l’asticella, ha bisogno di trovare conferme in cadetteria. Come in ogni periodo negativo, la causa non è mai unica, data che ad un calo della squadra è coincisa anche una corposa serie di infortuni, con diversi calciatori non al meglio.

LA VITTORIA PER RITROVARE CERTEZZE

La classifica parla chiaro: alla luce del periodo che sta vivendo la Cremonese, ed una zona playout che dista 6 punti (ma i lombardi hanno una partita più della Virtus Entella), la vittoria dovrà tornare quanto prima, per ritrovare quella serenità che, ad oggi, è la reale componente che manca a questa squadra. Ripartire da quanto di buono fatto nella prima stagione, per concludere nel migliore dei modi una stagione, quella del ritorno in cadetteria, vissuta al cardiopalma.

FOCUS – Cremonese, tra esaltazione ed equilibrio: bisogna tornare a vincere ultima modifica: 2018-04-01T14:00:13+02:00 da Francesco Fedele
Classe '96, brividi al solo pensiero che diversi miei coetanei sono calciatori professionisti, starò invecchiando? Studente di Economia Aziendale, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta è stata "Gol" invece di papà o mamma. Ah, quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.