ESCLUSIVA PSB – Crispino: “Como? Siamo un grande gruppo”

Cresciuto nel Napoli, da oramai quattro stagioni difende i pali del Como. Lo scorso anno il primo campionato di Serie B, andato purtroppo non come sperava lui così come tutta la piazza, con la retrocessione che ha condannato la squadra a ricominciare dalla Lega Pro. La decisione di Diamante Crispino (22) è stata però quella di rimanere con i Lariani e giocarsi le sue carte, come ha sempre fatto. Intervenuto ai microfoni di PianetaSerieB.it, queste le sue dichiarazioni.

Dopo una stagione difficile in Serie B, la decisione di restare al Como per giocarti le tue carte a dimostrazione che, alle volte, la categoria non è poi così importante.

Dopo una stagione, come quella scorsa, dove ho giocato davvero poco, avevo bisogno di ritrovare continuità. Ho deciso quindi di rimanere qui e continuare a crescere con questa maglia ed in questa piazza, dove mi sono sempre trovato bene”.

La scorsa stagione, come hai appena detto, con la presenza di Scuffet hai avuto un minutaggio limitato. In quest’annata invece è viva la concorrenza con Zanotti. Quanto cambia, se cambia, la preparazione della partita quando sai che hai concrete possibilità di scendere in campo?

Certamente sei sicuramente più stimolato nel sapere che comunque c’è una sana competizione che aiuta anche nel lavoro settimanale rispetto al sapere già che difficilmente scenderai in campo“.

La squadra ha cambiato tanto rispetto alla scorsa stagione ma, nonostante ciò, siete in zona playoff. Era il rendimento che ti immaginavi avreste avuto?

Sicuramente siamo partiti con svariati problemi come è risaputo, però siamo un bel gruppo e puntiamo a fare sempre e comunque il nostro meglio“.

A cosa aspira Diamante Crispino per il prossimo futuro?

Obiettivo primario è quello di giocare con continuità, inoltre chiaramente voglio fare bene con questa maglia”.

ESCLUSIVA PSB – Crispino: “Como? Siamo un grande gruppo” ultima modifica: 2016-11-12T18:00:32+00:00 da Francesco Fedele
Classe '96, brividi al solo pensiero che diversi miei coetanei sono calciatori professionisti, starò invecchiando? Studente di Economia Aziendale, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta è stata "Gol" invece di papà o mamma. Ah, quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *