ESCLUSIVA PSB – Pengue: “Luperto ha grandi qualità. Perugia, Dezi ottima mossa”

Diversi ragazzi in prestito nelle serie minori, tutti con il sogno (o l’ambizione, come meglio la si vuole definire) di vestire la maglia azzurra nel prossimo futuro. Facciamo il punto della situazione prestiti in Serie B del Napoli con Lucio Pengue, giornalista di Radio Kiss Kiss, intervenuto in esclusiva ai microfoni di PianetaSerieB.it:

Dopo l’anno di apprendistato con il Napoli, Luperto sta ora trovando spazio con la Pro Vercelli. Quanto credi influirà a livello soprattutto mentale l’essersi allenato, aver vissuto a stretto contatto con giocatori di livello come quelli dei partenopei sul classe ’96? Potrebbe sembrare un “finto” giovane”.

Faccio una premessa, per me a vent’anni nel calcio non si è più giovani. A vent’anni sei già un calciatore maturo e quindi hai l’età giusta per poterti affermare. Luperto è un ottimo difensore e l’anno scorso anche se non ha giocato neanche un minuto con il Napoli ha avuto la possibilità di imparare molto da Raul Albiol e Vlade Chiriches, che in fondo è sempre il capitano della Romania. Sebastiano ha rubato il mestiere ed ora è pronto. La Pro Vercelli, società dal passato glorioso, lo sta impiegando con una certa continuità. Ora toccherà a lui fare un ulteriore salto di livello, deve prendere consapevolezza dei suoi mezzi perché ha grandi qualità e deve farle valere anche in Serie B“.

Lo scorso anno l’Avellino, ora il salto nel Napoli, dov’è cresciuto. Credi che Roberto Insigne riuscirà a dire la sua con gli azzurri, oppure a gennaio saluterà per fare esperienza altrove?

Roberto Insigne quest’anno non è stato ceduto nella sessione estiva dal Napoli per un problema di liste e di quote. Poi è anche vero che disputando un ottimo precampionato ha convinto Sarri che sarebbe potuto diventare una pedina importante nello scacchiere azzurro. Non so se Roberto potrà essere messo sul mercato a gennaio sempre pensando alla lista dei 25. Seguendo questi ragionamenti per il giocatore, che in pratica non gioca una gara ufficiale da sei mesi, la sua permanenza a Napoli potrebbe procurargli una sorta di rallentamento della sua carriera, peccato perché ha i mezzi per poter esplodere e come attaccante esterno ha ottimi numeri“.

Gol all’esordio in Serie B, un utilizzo non da prima scelta ma un’esperienza importante quella che sta vivendo Alfredo Bifulco con la maglia del Carpi. Fiore all’occhiello della Primavera due stagioni fa, quanto credi manchi alla sua esplosione definitiva tra i grandi?

Bifulco ha carattere e numeri. Nel Carpi ha segnato due gol e sta provando a ritagliarsi spazi importanti. Non è facile perché la società è ambiziosa ed ha un organico completo. La concorrenza è tanta, ma la stagione di serie B molto lunga. Non so se riuscirà ad esplodere già in questa stagione, ha vent’anni e tanta fame. Questa fame può risultare l’arma in più per affermarsi. Però alle volte per far fare quel salto di qualità occorre anche una buone dose di fortuna e speriamo che Alfredo possa beneficiarne“.

Ottima parentesi quella di Bari, sta facendo benissimo ora a Perugia. Può essere questo l’anno della definitiva consacrazione di Jacopo Dezi, con vista magari sulla Serie A, questa volta da protagonista (bisogna vedere con quale maglia)?

Dezi è un centrocampista di qualità, ha i numeri giusti. Non è più giovanissimo. A 25 anni si è nel pieno della maturità. Ovunque sia andato Jacopo ha giocato con personalità denotando anche una spiccata propensione offensiva. Il Perugia lo sapeva, è una società ambiziosa e per questo lo ha scelto. Credo che si sia rivelata un’ottima mossa e mister Bucchi ha capito immediatamente che per puntare alla promozione deve affidare le chiavi del centrocampo a Dezi. Sulle sue qualità non si discute, spiace solo che a 25 anni non abbia mai avuto la chance giusta in serie A, anche perché credo che abbia tutte le qualità per poter emergere anche nella massima serie“.

 

ESCLUSIVA PSB – Pengue: “Luperto ha grandi qualità. Perugia, Dezi ottima mossa” ultima modifica: 2016-11-10T15:00:41+00:00 da Francesco Fedele
Classe '96, brividi al solo pensiero che diversi miei coetanei sono calciatori professionisti, starò invecchiando? Studente di Economia Aziendale, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta è stata "Gol" invece di papà o mamma. Ah, quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *