Champions League – La Juve non stecca, buona la seconda

Dopo un avvio in sordina in Champions contro il Sevilla, i bianconeri, sono ospiti dei croati della Dinamo Zagreb allo stadio Maksimir. Tante erano le aspettative e le pressioni alimentate dalla stampa per la trasferta in croazia, che di fatto trasparono nei primi 20′ di gioco in cui la Juventus resta bloccata in un possesso palla sterile, privo di velocità e del guizzo, complice anche della mentalità della Dinamo, arroccata in difesa con tutti gli effettivi tranne jr.Fernandes, a metà campo, pronto a partire in contropiede. Tutto cambia però al 23′, quando Pjanic sfrutta un pallone in profondità e un errore difensivo per marcare il tabellino. Juve in vantaggio e Dinamo che si smuove di poco dalla trincea, conscio di avere ancora tempo per poter strappare il punticino in occasioni meno rischiose per gli equilibri già precari. Ebbene al 26′ la Dinamo conquista un fallo di punizione alla trequarti campo di sinistra, fin troppo prezioso per gettarlo alle ortiche. Cross nel cuore dell’area di rigore, colpo di testa di Schildenfeld, parabola pericolosa, traversa, Buffon può solo guardare il pallone baciare il legno. La partita potrebbe prendere un piglio diverso dopo questa occasione, la scossa capace di invertire la tendenza, che carica la squadra. Ed invece no, al 30′ Pjanic pesca il jolly ed imbuca perfettamente Higuain che prima stoppa di petto e poi prima che il pallone tocchi terra appoggia nell’angolo destro del portiere, 2- 0 Juve. La Dinamo Zagreb prova a rialzarsi, ad offendere, ma dopo solo 9′ rischia di subire lo 0-3 quando Schildenfeld scivola regalando a Khedira un occasione ghiotta. Lentamente il primo tempo termina così come la partita aveva visto i primi 20′ di gioco, ovvero lungo possesso palla bianconero e croati sugli scudi.

Il secondo tempo inizia con un cambio nella Juve con Pjanic sostituito da Cuadrado per motivi precauzionali al fine di evitare infortuni che avrebbero potuto escludere il bosniaco da impegni più intensi.
Se il secondo tempo inizia così com’era finito il primo, vale a dire possesso palla e gestione della Juve, la partita si accende sugli spalti fino a culminare con il lancio di un fumogeno in campo da parte dei padroni di casa. Avviso dello speaker, allarme rientrato.
Appena entrato Cuadrado dà mostra al pubblico delle sue qualità con scorribande tipiche del suo repertorio, ma a prendersi la scena è Dybala che da 30 metri al 55′ insacca per lo 0-3 Juventus. Intanto entrano Pjaca al posto di Barzagli al 67′ e Mandzukic per Higuain al 70′ i due ex del match applauditi dal pubblico di casa. Avranno entrambi un occasione per entrare nella lista dei marcatori del match. Al 72′ Mandzukic sbaglia dopo essere stato servito alla perfezione da Pjaca e al 74′ lo stesso Pjaca con un diagonale impensierisce il portiere avversario, Semper, che para prima con le mani e poi con il volto un pallone ben piazzato. La Juve cala il poker in terra croata al minuto 85 grazie ad una punizione di Dani Alves che deviata dalla barriera mette in fuorigioco il portiere il quale tentando di smanacciare il pallone dietro la porta, lo appoggia in rete. L’ unico errore della Juventus in difesa è al 87′, quando Chiellini litiga con la sfera e “passa” a Hodzic che però sbaglia.

Migliore in campo Primi 45′, Pjanic. Seconda metà Dybala.
Peggiore in campo Semper, non senza responsabilità in occasione del terzo e del quarto goal.

Le altre partite del Martedì di Champions League:

– GROUP E
CSKA Moscow – Tottenham Hotspour  FINALE 0-1 Marcatore: 71′ Son Heung Min (TH)
AS Monaco FC – Bayer 04 Leverkusen FINALE 1-1 Marcatori: 73′ Chicharito (BL), 95′ Glik (M)

– GROUP F
Sporting Clube de Portugal – Legia Warsaw FINALE 2-0 Marcatori: 28′ Ruiz (SL), 37′ Dost (SL)
Borussia Dortmund – Real Madrid FINALE 2-2 Marcatori: 17′ Ronaldo (RM), 43′ Aubameyang (D), 68′ Varane (RM), 87′ Schurrle (D)

– GROUP G
Leicester City – FC Porto FINALE 1-0 Marcatori: 25′ Slimani (L)
FC Copenhagen – Club Brugge FINALE 4-0 Marcatori: 53′ autogoal Denswil (B), 64′ Delaney (C), 69′ Santander (C), 92′ Zanka (C)

– GROUP H
Sevilla – Olympique Lyonnaise FINALE 1-0 Marcatori:  53′ Ben Yedder (S)
GNK Dinamo Zagreb – Juventus FINALE 0-4 Marcatori:  24′ Pjanic (J), 31′ Higuain (J), 57′ Dybala (J), 85′ autogoal Semper (DZ)

Champions League – La Juve non stecca, buona la seconda ultima modifica: 2016-09-28T00:16:00+00:00 da Francesco Grasso
Salve, mi chiamo Francesco Grasso, ho 23 anni e studio Scienze Motorie presso l'Università Parthenope di Napoli. Ho sempre amato lo sport ed il calcio. Ho preso parte al progetto "Pianeta Serie B" perché penso ci siano le condizioni giuste per poter far bene e crescere insieme.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *