Chievo, Aglietti: “Mi è piaciuta la capacità di saper soffrire. Bene i nuovi acquisti”

AGLIETTI CHIEVO – Aglietti, tecnico del Chievo, ha parlato al termine della vittoria sulla Reggiana. Ecco le sue parole, riportate da tuttomercatoweb.com:

Mister, oggi una vittoria ottenuta con sofferenza ma anche con una buona prestazione.
“Oggi era importante portare a casa la vittoria, perché altrimenti rischiamo di dire sempre le stesse cose. Giocare bene è importante, ma quello che conta è il risultato. Anche oggi abbiamo fatto bene e sbagliato troppo, perché abbiamo avuto 7/8 occasioni. Le partite vanno chiuse prima, perché sennò nel finale può arrivare la beffa. Dai ragazzi è arrivata la risposta che mia spettavo e credo che vincere qua non sarà facile per nessuno. La Reggiana è una squadra organizzata e con grande intensità. Incontrarla ora è diverso da farlo tra qualche mese, quindi complimenti ai miei perché hanno interpretato bene la partita”.

Cosa ti è piaciuto di più dell’interpretazione della gara da parte del Chievo?
“Mi è piaciuta la capacità di saper soffrire, concedendo poco alla Reggiana che ha trame di gioco molto interessanti. Quando si vince 1-0, andando in vantaggio per poi difendere, è molto importante anche il fatto di non aver preso gol. Bisogna migliorare negli ultimi metri, anche oggi abbiamo avuto una miriade di occasioni. La differenza oggi la fa il risultato, perché quando vinci vedi tutto in maniera diversa”.

Oggi ai fatto debuttare dall’inizio Viviani e Gigliotti e poi è entrato anche Ciciretti: cosa ne pensi die loro primi minuti in gialloblù?
“Hanno fatto bene, come tutti del resto. La partita non era facile, ma si sono calati bene in tale contesto. Il valore di questi ragazzi non si scopre oggi: Viviani è un giovane molto interessante, Gigliotti può dare molto sul piano dell’esperienza e Ciciretti ha estro ma ancora non è in condizione. Per questo non l’ho fatto giocare dall’inizio, ma è chiaro che è un giocatore che può spostare gli equilibri. Oggi i complimenti vanno a tutti, perché era il risultato che ci voleva in questo momento”.

Il tempo per rifiatare è poco, perché martedì al Bentegodi arriva il Brescia.
“Abbiamo avuto due settimane per metabolizzare la sconfitta contro la Salernitana, mentre ora c’è poco tempo per gioire. Ieri sera abbiamo visto di che pasta è fatto il Brescia, ma con questa intensità ce la possiamo giocare. Il campionato è molto equilibrato e si può vincere e perdere contro qualsiasi squadra. Possiamo migliorare a livello tecnico ma, vedendo come abbiamo portato a casa i tre punti, mi fa pensare che possiamo giocarcela anche con avversari che hanno qualcosa in più di noi”.

Chievo, Aglietti: “Mi è piaciuta la capacità di saper soffrire. Bene i nuovi acquisti” ultima modifica: 2020-10-17T18:56:16+02:00 da Pasquale Ucciero
Classe '96. Sono un appassionato di calcio a 360°. Questo sport è il vero e proprio "oppio" dei popoli ed io di certo, non mi sottraggo alla sua forza magnetica. La Serie B è un campionato difficile ma incredibilmente divertente, e poterne scrivere, grazie a questa redazione, mi rende orgoglioso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.