Reggiana, Alvini: “Diversi infortuni, ma posso fare affidamento su un ottimo organico”

ALVINI REGGIANA – Massimiliano Alvini, tecnico della Reggiana, ha presentato la sfida contro il Chievo Verona: “A livello di infermeria non è cambiato nulla, nella lista convocati per le prossime due gare non figureranno Rozzio, Costa, Ajeti e Germoni, e in più Rossi ha un problema che dovremmo valutare. E’ chiaro che sulla carta sì – riporta tuttomercatoweb.com –  è fuori la difesa titolare, ma ricordo a tutti che abbiamo una rosa di tutti titolari della quale mi fido ciecamente: con queste piccole situazioni abbiamo già convissuto, non mi preoccupano. Posso davvero far affidamento su tutti, la società mi ha costruito un bell’organico, che ha sempre voglia di dare il meglio di se stesso: e mi aspetto ancora dei grandi miglioramenti.

Il Chievo Verona? Sono reduci dalla semifinale playoff per andare in A, e probabilmente a questo puntano di nuovo, ma quello che conta oggi è quello che verrà fatto in campo. E non tanto dagli altri, quanto da noi stessi: abbiamo diverse soluzioni da poter sfruttare, una certe duttilità, e su questo faremo leva. 

La società e lo staff medico sono con noi straordinari, stiamo vivendo quasi in una bolla ma è chiaro che abbiamo paura: ci stiamo attenti, ma contatti e situazioni possono capitare. Avremmo fatto, da giugno a ora, una cinquantina di tamponi, e di questo ringrazio il club, ma siamo preoccupati e dispiaciuti per la situazione che c’è nel mondo. Poi dispiace per i tifosi, avrebbero meritato di poter gioire con noi, ma purtroppo dobbiamo attenerci alle regole. I nuovi regolamenti? Penso che per la Federazione, con le varie leghe, abbiano fatto il massimo per cercare di rimettere in mare la barca, con grandi sacrifici, io ho apprezzato molto il loro operato. E il continuo andare incontro alle società mi fa vedere il tutto di buon occhio. Dobbiamo salvare la situazione, con la responsabilità di tutti“.

Reggiana, Alvini: “Diversi infortuni, ma posso fare affidamento su un ottimo organico” ultima modifica: 2020-10-16T17:14:21+02:00 da Francesco Fedele
Classe '96, brividi al solo pensiero che diversi miei coetanei sono calciatori professionisti, starò invecchiando? Studente di Economia Aziendale, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta è stata "Gol" invece di papà o mamma. Ah, quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.