Dal fallo di mano ai cartellini: ecco come l’Ifab ha cambiato alcune regole del calcio

CAMBIO REGOLE IFAB – Nella giornata di ieri l’Ifab ha messo nero su bianco alcune regole dalla dubbia interpretazione, così da rendere più fluido e con meno polemiche il gioco del calcio. Come scrive l’edizione odierna del Corriere dello Sport, di solito il nuovo regolamento va in vigore il 1° giugno, ma il Covid-19 ha stravolto anche questo. Dunque l’Ifab ha concesso la possibilità di rinviare il via di queste regole. L’unica novità che dovrebbe subito andare in vigore è il maggiore invito all’uso del Var ai direttori di gara in caso di azioni dubbie.

Fallo di mano
E’ stato stabilito che la parte alta del braccio (deltoide e ascelle) sono considerati come spalla, dunque non punibili. Inoltre ora il fallo di mano diventa punibile se è “immediato” e “ravvicinato”.

Cartellini gialli
Se in un fallo in chiara occasione da gol, la squadra che attacca riesce comunque a segnare, l’autore del fallo sarà solo ammonito e non espulso.

Più tolleranza per i portieri
Prima il portiere se non teneva almeno un piede sulla linea durante la battuta di un calcio di rigore veniva immediatamente punito con il giallo. Invece ora riceverà soltanto un “warning” e successivamente scatterà il giallo in caso di nuova infrazione.

Dal fallo di mano ai cartellini: ecco come l’Ifab ha cambiato alcune regole del calcio ultima modifica: 2020-04-10T10:03:47+02:00 da Francesco Gala
Salve a tutti! Mi chiamo Francesco ed ho 23 anni. Sono laureato in Scienze della Comunicazione ed attualmente proseguo gli studi della Magistrale alla Federico II di Napoli. Lo sport ed il giornalismo sono due passioni che da sempre fanno parte di me. Sono un amante della Serie B e credo tantissimo nella redazione di "PianetaSerieB" formata da un gruppo di giovani con tanta voglia di fare bene.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.