Cittadella, Paleari chiude la saracinesca: “Voglio proseguire la striscia di clean sheets”

alberto paleari, portiere del Cittadella

PALEARI CITTADELLA – Dopo l’addio di Alfonso, Alberto Paleari ha preso il posto di titolare tra i pali del Citta. La società non è infatti intervenuta sul mercato, fidandosi delle qualità del portiere 26enne. Le sue prestazioni nel campionato passato parlano chiaro: 13 presenze totali con 8 gol subiti, e, in particolare, le ultime 5 partite senza subire reti. Con l’esordio contro il Crotone fanno 6 clean shettsun andamento notevole.

“Porto avanti – spiega Paleari al Gazzettino– la scia della passata stagione di sei partite senza subire gol. Prima o poi dovrò inevitabilmente raccogliere anch’io il pallone dal fondo della porta, ma mi auguro che i miei compagni riescano a farne sempre uno in più. L’anno scorso, pur partendo da secondo, quando sono stato chiamato in causa ho offerto il mio contributo, l’importante è farsi trovare pronti”.

Si avvicina la trasferta di Carpi: La vittoria sul Crotone ce la siamo goduta, ci siamo tolti una grande soddisfazione superando una delle formazioni retrocesse dalla serie A e fra le candidate a tornarvi a fine torneo. Per come ragioniamo noi, però, la testa da martedì è già rivolta al prossimo impegno, quello di Carpi. Il 3-0 di domenica è stato quindi subito messo in soffitta”.

Sugli obiettivi stagionali: “Fondamentale è remare tutti per lo stesso obiettivo, che per il Cittadella non cambierà rispetto agli ultimi anni. Prima la salvezza, poi si vedrà. Non sarà facile confermarsi rispetto lo scorso anno perché ci saranno meno partite da giocare, sarà più difficile per tutti. Chiaramente sarebbe bello replicare i risultati della passata stagione”.

fonte: trivenetogoal.it

Cittadella, Paleari chiude la saracinesca: “Voglio proseguire la striscia di clean sheets” ultima modifica: 2018-08-30T14:09:52+00:00 da Stefano Galano
Classe '88, Ingegnere con la passione per il prato verde, scopre in età avanzata di voler scrivere per lo sport più bello al mondo. Convinto che sia forma d'arte contemporanea, ricorda sempre a tutti: "Non chiamatelo solo calcio"

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.