Cittadella, Venturato: “Con l’Empoli partita vera e impegnativa, abbiamo l’obbligo di provarci”

venturatocittadella

VENTURATO CITTADELLA – Mister Venturato, tecnico del Cittadella, ha parlato, nella consueta conferenza stampa della vigilia, in merito alla sfida con l’Empoli. Ecco le sue parole, riportate da trivenetogoal.it:

“Due anni fa quando avevamo giocato la finale col Verona abbiamo affrontato una squadra che, se non le avessero dato i tre punti a Cosenza, non avrebbe nemmeno raggiunto i playoff. Per quanto riguarda Salernitana-Reggiana, credo sia stato usato il buon senso, perché la Reggiana non aveva sicuramente a disposizione i giocatori per scendere in campo. Per questo non sono stati dati punti di penalizzazione. Abbiamo tutti i giocatori a disposizione, mancheranno Grillo e Plechero, non sono convocati Bassano e Camigliano. Tsadjout e Tavernelli sono convocati e stanno bene, possono giocare ma deciderò domani chi impiegare davanti. Le critiche vanno accettate, a Pescara non abbiamo perso solo per gli errori di Maniero ma per un primo tempo assolutamente non all’altezza. È un momento di difficoltà per lui, deve dimostrare le sue qualità e le sue capacità e deve reagire nella maniera migliore. L’Empoli ha grandi qualità e capacità, hanno inserito qualche elemento e hanno cambiato sistema di gioco. Hanno giocatori bravi e idee, sarà partita vera e partita impegnativa. Non abbiamo l’obbligo di vincere, ma dobbiamo provarci. Gli obiettivi nostri sono diversi da quelli dell’Empoli. Sono primi in classifica e lotteranno per vincere. Noi abbiamo prospettive diverse, dobbiamo capire i nostri pregi e i nostri difetti e caratterizzarci per le nostre qualità. Non credo ci sia nulla di scontato, dobbiamo migliorarci molto e interpretare bene le partite. Dobbiamo capire che si tratta di un campionato molto difficile e affronteremo otto partite in trenta giorni. Dobbiamo riprendere il filo di questo campionato. Abbiamo di fronte una squadra di qualità in tutti i reparti. Quando sbagliamo la lettura di situazioni di gioco commettiamo errori gravi che abbiamo analizzato e rivissuto per evitare che riaccadano. Iori è un giocatore molto importante per noi, Pavan a Pescara aveva avuto qualche difficoltà in settimana e pensavo potesse avere problemi durante la partita. Dicembre è un mese in cui ci saranno tante partite e dovremo distribuire le forze. Gli infortuni non si possono prevedere, diventa determinante avere la rosa a disposizione. Ci vuole anche un po’ di fattore C per la questione Covid”

Classe '96. Sono un appassionato di calcio a 360°. Questo sport è il vero e proprio "oppio" dei popoli ed io di certo, non mi sottraggo alla sua forza magnetica. La Serie B è un campionato difficile ma incredibilmente divertente, e poterne scrivere, grazie a questa redazione, mi rende orgoglioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.