Cremonese, Bonato: “Impossibile lavorare non conoscendo il futuro, ma la priorità resta tutelare la salute”

CREMONESE BONATO – Nereo Bonato, direttore sportivo della Cremonese, è intervenuto ai microfoni di TMW per parlare della complessa emergenza sanitaria dettata dal Covid-19 ed, in particolare, di come Cremona (tra le prime città ed anche tra quelle maggiormente colpite dalla pandemia) abbia reagito al pericoloso nemico:

“A Cremona l’emergenza si è percepita già a fine febbraio, intanto al 20, tanto che infatti fu rinviato il match contro l’Ascoli, che ha dato poi il via a una serie di precauzioni. Abbiamo sospeso le attività del settore giovanile, sanificato e igienizzato tutto il centro sportivo, limitandone l’accesso solo ai tesserati: la situazione si è poi propagata a tutto il mondo. Abbiamo da allora convissuto con un brutto stato d’animo, è stato difficile andare avanti vedendo quello che c’era intorno”.

“Ripresa? Adesso è complicato dare una risposta. Il bene primario è la salute, poi una volta che si sarà sconfitto il virus si capiranno tempi e modi per ripartire. L’Italia ha sempre dato prova di coraggio, dalle difficoltà ne è sempre uscita: serve solo un po’ di sacrificio da parte di tutti”.

“E’ praticamente impossibile lavorare non conoscendo il futuro. Bisogna prima capire se e come si porterà avanti questo campionato, come si svolgerà il prossimo, l’impatto economico che questo momento avrà sui club. Si vive alla giornata, è impossibile guardare troppo oltre. Pensiamo prima a sconfiggere il Coronavirus, per tutto il resto ci sarà tempo”.

Cremonese, Bonato: “Impossibile lavorare non conoscendo il futuro, ma la priorità resta tutelare la salute” ultima modifica: 2020-03-24T13:45:45+02:00 da Nicola Cosentino
22 anni, vivo e studio a Catanzaro. Amante a 360 gradi dello sport più bello del mondo: calcio internazionale, Serie A, B e C sono il mio ossigeno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.