Empoli, Mancuso: “Questo è uno step importante, ma lo affronto restando me stesso”

MANCUSO EMPOLI STEP – Leonardo Mancuso, attaccante prelevato dall’Empoli a titolo definitivo dalla Juventus per sostituire Francesco Caputo, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport.

“Mi sono tatuato le parole de L’Isola Che Non c’è di Bennato perché sono lo specchio della mia vita: anche nelle difficoltà bisogna continuare a battersi, con l’impegno la soluzione giunge da sola. A me è andata così. Ho avuto un percorso anomalo, fatto anche di tanto anonimato: il calcio è anche e soprattutto questo. I trasferimenti non modificheranno la mia mentalità, sono restato me stesso dopo essere stato acquistato dalla Juventus e continuerò ad esserlo ora che sono di proprietà dell’Empoli. Ho scelto il club che mi ha voluto più fortemente, so che questo è un grande passo ma resto focalizzato su me stesso invece di concentrarmi sui tanti attaccanti importanti che sono stati qui. Mia madre era maestra, le dovevo il diploma tecnico che ho conseguito: a casa non hanno mai apprezzato la scelta di dedicarmi al calcio, ma neppure ho ricevuto pressioni. Il mio primo sport è stato il tennis, che seguo ancora con passione e pratico quando posso con alcuni ex compagni. Se mi sono innamorato del calcio lo devo al Divin Codino Roberto Baggio

Empoli, Mancuso: “Questo è uno step importante, ma lo affronto restando me stesso” ultima modifica: 2019-07-18T09:05:47+02:00 da Emanuele Garbato
Studente di filosofia a 360 gradi, convinto che lo sport ed il calcio forniscano una chiave di lettura per interpretare la vita. Appassionato di scrittura, in qualsiasi sua forma, convinto che ogni campo da gioco sia terreno fertile per la letteratura.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.