Primavera, che spettacolo: Trapani-Spal 3 a 2

Prima della sfida dei “grandi” di domani sera, quest’oggi si è giocata la partita TrapaniSpal, partita in cui i ragazzi della Primavera delle due compagini hanno espresso un gran calcio.

Ecco il tabellino e l’analisi del match riportato dal sito ufficiale dei granata:

TRAPANI-SPAL 3-2

Trapani: Compagno, Tumminelli, Martina, D’Angelo, Marino, El Badaoui, Palermo, Canino, Rares Flueras (dal 22’ s.t. Musso), Muratore, Opoku (dal 42’ s.t. Di Maggio). A disposizione: Ingrassia, Giammarinaro, De Santis, Mule’, Portovenero, Fatta, Federico, Tornetta, Licari. All. Longo

Spal: Balboni, Granziera, Equizi, Di Pardo, Ferrari, Picozzi, Strefezza, Concas (dal 27’ s.t. Artioli), Maghini (dal 15’ s.t. Ubaldi), Cantelli, Vago (dal 32’ s.t. Boccafoglia). A disposizione: Seri, Alfano, Cicognini, Anostini, Righetti, Foschini. All. Rossi

Arbitro: Riccardo Annaloro di Collegno; assistenti: Carmelo De Pasquale di Barcellona Pozzo di Gotto e Alfio Conti di Acireale

Reti: Vago al 5’ p.t., Opoku al 9’ p.t., Ferrari al 16’ s.t., Muratore al 26’ s.t., Musso al 48’ s.t.
Note: Ammoniti Canino al 26’ p.t., Opoku al 21’ s.t., Ferrari al 29’ s.t., Tumminelli al 43’ s.t. Espulso Ferrari al 36’ s.t. Calci d’angolo 10-2 per il Trapani

La cronaca
Il Trapani trova la prima vittoria della stagione. E lo fa allo scadere, in pieno recupero, contro la Spal. A decidere il match ci ha pensato Antonino Musso, entrato a gara in corso. Partita molto vibrante sin dalle prime battute con i granata di mister Longo che hanno mostrato carattere e grande spirito nonostante siano andati per due volte sotto. I trapanesi dunque iniziano a raccogliere i frutti, con i risultati, dopo un buon filotto di gare che però non aveva consegnato punti. Pronti, via e il Trapani è subito pericoloso dopo quaranta secondi di gioco con un cross dalla destra di Opoku che al centro trova Palermo; il suo tiro a botta sicura trova la provvidenziale deviazione di un difensore con la sfera che si accomoda sul fondo. Le cose però non si mettono bene per i locali che al 5’ sono sotto: fallo di Canino dai ventidue metri e punizione vincente da parte di Vago che batte l’incolpevole Compagno. La reazione granata non si fa attendere e al 9’ parità ristabilita: bello il lancio di Flueras che trova in area Opoku, il quale non ci pensa su due volte e va al volo col piatto destro insaccando alle spalle di Balboni. Messa male la difesa della Spal e Justice Opoku non perdona. Buon momento per D’Angelo e compagni che dopo due minuti dal pari, all’11’ sfiorano il 2-1 con un potente tiro dalla media distanza di Palermo. Questa volta bella anche la risposta dell’estremo difensore che la butta in calcio d’angolo. Angolo che qualche minuto più tardi rischia di rivelarsi mortifero per i ferraresi con l’uscita a vuoto del portiere, El Badaoui non ci arriva per questione di millimetri; palla che comunque resta viva nell’area piccola, il tocco involontario di Flueras diventa un assist per Tumminelli che però viene anticipato. Il capitano granata al 30’, sempre su situazione di corner, ancora una volta viene messo fuori causa sul più bello quando tutto il “Roberto Sorrentino” era già pronto ad esultare. La vera occasione per portarsi in vantaggio si concretizza al 37’, quando Palermo è bravo ad andare in pressione sui difensori al limite dell’area. Borseggia la sfera, entra in area, viene messo giù da Ferrari: per il signor Annaloro ci sono gli estremi per il calcio di rigore che calcia malamente Opoku, ipnotizzato da Balboni. L’unica vera palla gol degna di nota ospite arriva sul tramonto di prima metà di gioco con Strefezza che entra in area, carica il destro che viene deviato in angolo.
E’ un buon Trapani che rientra in campo con la stessa “garra” del primo tempo. Al 53’ Palermo dalla destra propone in mezzo un pallone un po’ lungo; sul secondo palo c’è Opoku che è costretto ad andare verso l’esterno dell’area, a rimorchio arriva D’Angelo, servito, ma l’esterno destro del centrocampista è facile preda del portiere che in tuffo blocca. La Spal, per la seconda volta, passa avanti al 61’: Ferrari, rimasto avanti dopo un tiro dalla bandierina, di testa sfrutta al meglio un traversone di Condelli. Palla ben indirizzata, bacino al legno e Spal sull’1-2. Come successo nei primi quarantacinque minuti, il vantaggio ospite è destinato a durare relativamente pochi minuti perché al 71’ Tumminelli decide di travestirsi da grande slalomista: salta due avversari, si accentra, tocco delizioso da trequartista per Muratore, il quale è altrettanto bravo e soprattutto freddo col tocco sotto sul portiere in uscita bassa e portare il punteggio sul 2-2. I trapanesi credono nei tre punti: al 78’ punizione dal lato corto dell’area con Palermo a buttarla in mezzo; portiere a farfalle che non premia i granata. Marino e il neo entrato Musso si disturbano a vicenda e Spal che può respirare. Ospiti che rimangono in dieci a nove dalla fine per l’espulsione diretta a Ferrari, reo di aver detto qualche parola di troppo all’arbitro. Altro motivo per credere nella vittoria che si concretizza nei trenta secondi finali. Ennesimo corner, la sfera sfila per l’area piccola, in estirada va Tumminelli che colpisce il palo da due metri, palla ancora viva, c’è Musso però che la scaraventa in fondo al sacco. E’ delirio al Sorrentino. Il Trapani ha vinto.

FONTE: Trapanicalcio.com

Primavera, che spettacolo: Trapani-Spal 3 a 2 ultima modifica: 2016-11-20T18:20:23+00:00 da Francesco Gala
Salve a tutti! Mi chiamo Francesco ed ho 20 anni. Studio Scienze della Comunicazione presso l'Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Lo sport ed il giornalismo sono due passioni che da sempre fanno parte di me. Sono un amante della Serie B e credo tantissimo nella redazione di "PianetaSerieB" formata da un gruppo di giovani con tanta voglia di fare bene.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *