Trapani, Heller: “Saremo una squadra dura ed educata. Sul Palermo…”

Giorgio Heller è il nuovo presidente del Trapani, club neopromosso in Serie B. Dopo una lunga serie di difficoltà, sui granata sembra esserci il sereno e la stagione può iniziare. Ai microfoni de La Repubblica, il numero uno dei siciliani ha raccontato sensazioni e retroscena del suo arrivo ai trapanesi: “Ero in vacanza con mia moglie a Trapani e un paio di amici mi hanno fatto vedere dalla prospettiva giusta questo meraviglioso territorio. Trattativa? Si capiva benissimo come il tempo stesse stringendo e ci sarebbero stati
enormi problemi a chiudere l’affare, anche se fosse arrivata la serie B. Hanno avuto un ruolo determinante anche quattro tifosi giunti da Trapani, bravi a convincere De Simone nel momento in cui sembrava non volesse cedere più”.

Tra i nodi da sciogliere quelli legati al tecnico, ma il patron evita l’argomento: “Sull’allenatore, ancora non mi esprimo. Dipenderà anche dal budget, non ho timori a dirlo. Ma dobbiamo affidare questa squadra a qualcuno che abbia esperienza della categoria. Saremo una squadra dura ed educata. Che sappia farsi rispettare, ma che abbia un’etica importante. Che sia combattiva e leale”.

In chiusura un pensiero riservato al Palermo, club verso il fallimento: “Sono dispiaciuto per Palermo e i palermitani. Sono un tifoso da sempre, so che sofferenze provoca una vicenda del genere. Avrei preferito sicuramente incontrare il Palermo sul campo e che i tifosi non patissero questo”.

20 anni. (Aspirante) giornalista sportivo. Vive in quel di Siena, viaggia assiduamente ma solo con la mente. Dipendente dal mondo calcistico, indipendentemente dalla categoria. Interviste su interviste, ma sa fare anche altro. Collaboro anche su TuttoC e per il Siena Club Fedelissimi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.