Livorno, possiamo parlare di crisi? Il Lecce dilaga

CRONACA LIVORNO LECCE – Se non ci fosse il Foggia ed il suo -5, il Livorno sarebbe il fanalino di coda con appena un punto raccolto in quattro partite. Insieme al Cosenza, quella toscana è l’unica squadra che non ha ancora trovato il successo in campionato. La partita di questa sera poteva segnare la svolta nel difficile inizio di stagione dei ragazzi di Lucarelli, ma così non è stato: all’Armando Picchi il Lecce vince e convince per 0-3. Nel primo tempo i salentini sono abili a sfruttare le fasce ed i traversoni: è proprio grazie ad un cross che La Mantia al 15′ trova la rete del vantaggio. Il Livorno si affida all’estro di Alessandro Diamanti, che cerca di impensierire gli avversari senza i risultati sperati. Nella ripresa la doppietta di un super Palombi spegne ogni speranza di rimonta. Il Lecce dà continuità alla vittoria contro il Venezia, mentre per il Livorno la crisi è, forse, concreta.

TABELLINO

LIVORNO (3-5-2)
Mazzoni, Bogdan, Dainelli (Murilo 38′), Albertazzi, Parisi, Diamanti, Bruno, Agazzi, Porcino, Kozak (Luci 64′), Giannetti (Raicevic 74′). PANCHINA: Zima, Di Gennaro, Valiani, Luci, Murilo, Iapichino, Soumaoro, Gonnelli, Maiorino, Frick, Raicevic, Maicon. All.: Cristiano Lucarelli

LECCE (4-3-1-2)
Vigorito, Petriccione, Mancosu, Palombi (Pettinari 78′), Marino, Meccariello, La Mantia (Torromino 84′), Tabanelli, Venuti, Calderoni, Scavone (Haye 78′). PANCHINA: Bleve, Cosenza, Arrigoni, Lepore, Torromino, Haye, Pettinari, Dubickas, Falco, Tsonev, Fiamozzi, Bovo. All.: Fabio Liverani

MARCATORI: La Mantia, doppietta Palombi.

Livorno, possiamo parlare di crisi? Il Lecce dilaga ultima modifica: 2018-09-25T23:02:57+00:00 da Francesco Fedele
Classe '96, brividi al solo pensiero che diversi miei coetanei sono calciatori professionisti, starò invecchiando? Studente di Economia Aziendale, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta è stata "Gol" invece di papà o mamma. Ah, quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.