FOCUS – Avenatti, che stagione: soñando il ritorno nella Celeste

Avenatti serie b

Sarà pur vero che nella classifica marcatori è alle spalle di Pazzini e Litteri, ma sicuramente i suoi nove gol hanno avuto eguale (se non maggiore) peso specifico: quella in corso è forse (a fine annata probabilmente lo sarà, ma giusto dar spazio al beneficio del dubbio, mancando ancora un’eternità) la miglior stagione di Felipe Avenatti da quando è in Italia a difendere i colori della Ternana. Eppure qualcosa pareva essersi rotto, con il nativo di Montevideo al centro di rumors di mercato che nella scorsa sessione di calciomercato lo vedevano in Serie A, con il Palermo ed anche altre compagini su di lui. Troppo forte però il legame con Terni, con quella squadra che assomiglia alla propria città come in pochi altri casi, diceva il compianto Maurizio Barendson. Scelta che ha pagato, numeri alla mano: non ne facciamo un discorso solo di reti, ma anche dei tre assist vincenti fatti ai propri compagni di squadra, oltre ad un’abnegazione ed una voglia di fare in campo che alle volte lo portano anche a spendere il fallo per il cartellino. Da ottobre, le cose vanno alla grande per il centravanti uruguaiano: 7 gol in 10 partite e la convinzione che le dichiarazioni rilasciate nei giorni scorsi non siano state chiacchiere portate via dal vento: “Sogno la Nazionale, sarebbe il momento più bello della mia carriera“. Quella Celeste che Felipe ha già difeso con le categorie giovanili e che, a 23 anni, nessuno ha il diritto di negargli, soprattutto se dovesse arrivare il grande salto. Perché sognare non cosa nulla e si sa, sono i sogni a dare forma al mondo…

FOCUS – Avenatti, che stagione: soñando il ritorno nella Celeste ultima modifica: 2016-12-14T19:48:07+00:00 da Francesco Fedele
Classe '96, brividi al solo pensiero che diversi miei coetanei sono calciatori professionisti, starò invecchiando? Studente di Economia Aziendale, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta è stata "Gol" invece di papà o mamma. Ah, quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *