Foggia, salutato definitivamente il sogno playoff

foggia

È un Foggia sfortunato quello visto al Pier Luigi Penzo di Venezia. Un Foggia che nonostante un netto possesso palla e tre legni esce dalla sfida contro i lagunari con zero punti e saluta definitivamente il sogno play-off.

Ancora una volta i Satanelli sono scesi ben determinati per portare a casa il risultato pieno e sin dai primi minuti i rossoneri cercano di fare il solito calcio propositivo fatto di fraseggi stretti e ripartenze veloci.

Ma al 40′ su corner Tonucci travolge Domizzi costringendo l’arbitro a decretare il rigore per il Venezia. Dal dischetto Litteri spiazza Noppert.

La ripresa si apre con il Foggia che cerca in tutti i modi di pareggiare ma la difesa del Venezia è ben messa e blocca ogni iniziativa dei rossoneri.

Al 52’ Agazzi colpisce il palo dopo aver anticipato il portiere, ma clamorosa è la traversa che al 79’ Tonucci colpisce con un bel tiro da 25 metri.

Il Venezia si chiude in difesa anche se in un paio di contropiedi rischia di realizzare il secondo gol.

Al 92′ arriva il meritato pareggio del Foggia: Agazzi mette in area, sponda di testa di Camporese di testa a favore di Tonucci che colpisce l’ennesimo palo, sul rimbalzo si avventa Mazzeo che con una sforbiciata realizza il pareggio.

Sembra fatta ma al 94’ arriva la beffa per gli uomini di Stroppa: con una pregevole punizione dal limite, Stulac realizza il definitivo vantaggio per i padroni di casa.

Finisce purtroppo con una grossa delusione sia per i giocatori che per i tanti tifosi rossoneri presenti sugli spalti.

Mimmo Attini

Foggia, salutato definitivamente il sogno playoff ultima modifica: 2018-05-05T18:17:54+02:00 da Francesco Fedele
Classe '96, brividi al solo pensiero che diversi miei coetanei sono calciatori professionisti, starò invecchiando? Studente di Economia Aziendale, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta è stata "Gol" invece di papà o mamma. Ah, quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.