FIGC, Gravina: “Aver definito gli organici ci fa stare tranquilli. Sul caso Chievo…”

GRAVINA CASO CHIEVO – Riammesso il Venezia in Serie B, escluso il Palermo per inadempienze. Visto il parere della CO.VI.SO.C., il Consiglio Federale ha respinto il ricorso della società siciliana e votato all’unanimità per la riammissione del club veneziano. Inoltre sono stati decisi anche riammissioni e ripescaggi in Lega Pro, dando il via libera per il prossimo campionato di Serie C a Virtusvecomp Verona, Fano, Paganese, Modena e Reggio Audace. Fuori Cerignola e Bisceglie.

“Aver definito l’organico dei campionati già oggi, 12 luglio, per la prima volta nella storia così in anticipo, è un evidente vantaggio. Ci dà la forza di poter aspirare a un’estate abbastanza tranquilla”: queste le parole pronunciate dal presidente della FIGC Gabriele Gravina nella conferenza stampa che ha fatto seguito al Consiglio, sottolineando l’importanza delle nuove norme sulle iscrizioni e le ammissioni ai campionati. Eventuali ricorsi potranno estinguersi ampiamente prima dell’inizio dei campionati, evitando così l’impasse che si era venuto a creare lo scorso anno per la serie B. In questo senso, desta particolare attenzione la vicenda Chievo dopo l’intervento odierno della Guardia di Finanza per la questione plusvalenze fittizie con il Cesena: “Non abbiamo ricevuto alcuna comunicazione sul Chievo – ha affermato Gravina – come società è perfettamente in regola e ha rispettato tutti i parametri. Nel momento in cui dovessero pervenire alcune preclusioni in riferimento alla società Chievo, è chiaro che adotteremo tutti i provvedimenti utili per adempiere a un nostro dovere di rispetto delle regole”.

Fonte: figc.it

FIGC, Gravina: “Aver definito gli organici ci fa stare tranquilli. Sul caso Chievo…” ultima modifica: 2019-07-12T17:06:14+02:00 da Alessio D'Errico
Classe '96. "Pallonaro" a tuttotondo. Laureato in Scienze della Comunicazione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.