L’Entella supera il Pescara di rigore: 2-0 targato De Luca e Rodriguez

ENTELLA PESCARA – Al “Comunale” di Chiavari, si affrontano Entella e Pescara, in piena bagarre play-off. La prima occasione capita a Galano che servito da Crecco, non riesce ad inquadrare la porta. Rispondono gli ospiti con Mazzitelli, ma la sua conclusione dalla distanza viene deviata in corner. Al 31′ occasionissima per l’Entella, Rodriguez serve Dezi che coglie il palo, sulla ribattuta, l’attaccante spagnolo la mette fuori. Al 35′ il match si sblocca: l’arbitro concede un penalty per i liguri; dal discetto va la “zanzara” De Luca, che fa 1-0. Nel finale di tempo prima Maniero, poi Bettella vanno vicini al goal del pari.

Nella ripresa non passano nemmeno tre giri di lancette che il direttore di gara comanda un secondo calcio di rigore a favore dei padroni di casa, questa volta per un fallo di mano di Crecco su tiro di Rodriguez, che dagli undici metri non fallisce. 2-0. Al 70′ è ancora De Luca a rendersi pericoloso, ma nulla di fatto. Al 72′ bomba di Memushaj che coglie solo la traversa. Finale nervoso con diverse ammonizioni. Termina così, l’Entella supera il Pescara e respira aria d’alta quota.

 

TABELLINO DEL MATCH

MARCATORI: De Luca (r) al 35′, Rodriguez (r) al 50′.

AMMONITI: Mazzitelli, Contini, Coppolaro (E); Crecco, Drudi, Kastanos (P).

VIRTUS ENTELLA (4-3-1-2): Contini; Coppolaro, Pellizzer, Chiosa, Sala, Settembrini, Paolucci, Mazzitelli, Dezi, Rodriguez, De Luca. Allenatore: Boscaglia.

PESCARA (3-5-2): Fiorillo; Drudi, Bettella, Scognamiglio; Masciangelo, Crecco, Bruno, Memushaj, Zappa; Galano, Maniero. Allenatore: Legrottaglie.

L’Entella supera il Pescara di rigore: 2-0 targato De Luca e Rodriguez ultima modifica: 2020-02-09T17:15:09+02:00 da Pasquale Ucciero
Classe '96. Sono un appassionato di calcio a 360°. Esso è il vero e proprio "oppio" dei popoli ed io di certo, non mi sottraggo alla sua forza magnetica. La Serie B è un campionato difficile ma incredibilmente divertente, e poterne scrivere, grazie a questa redazione, mi rende orgoglioso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.