Parma-Frosinone: le ultime dai campi

PARMA – Le scorie della sfida contro il Palermo si faranno sentire e le assenze di Scavone e Ceravolo non sono certo buone notizie. Il centravanti titolare sarà dunque ancora Calaiò, con Siligardi e Di Gaudio ai lati e Insigne pronto a subentrare per dare freschezza e qualità. In cabina di regia agirà ancora Munari, mentre Barillà e Dezi saranno le mezzali, con Lucarelli-Iacoponi pacchetto difensivo centrale. Sulle corsie, spazio a Gagliolo e Gazzola, con Frattali a difendere i pali. Di fatto, l’unico vero dubbio sembra essere sulla composizione del tridente.   
FROSINONE – Privo di Daniel Ciofani, Crivello e Volpe, mister Longo dovrebbe schierare i suoi con un granitico 3-5-2, modulo che gli permetterebbe di tenersi un cambio importante in attacco da sfoderare a partita in corso. Il terzetto arretrato a protezione di Vigorito dovrebbe essere composto da Brighenti, Ariaudo e Terranova, mentre a centrocampo sembrano destinati a partire dal 1′ Matteo Ciofani, Maiello, Chibsah, Konè e Beghetto. In avanti, fiducia al tandem Dionisi-Ciano, con Citro pronto ad entrare in corsa in caso di necessità (non è tuttavia da escludere che il tecnico piemontese opti per il 3-4-1-2 con Ciano alle spalle di Dionisi e Citro).
LE PROBABILI FORMAZIONI
PARMA (4-3-3): Frattali; Gazzola, Iacoponi, Lucarelli, Gagliolo; Dezi, Munari, Barillà; Siligardi, Calaiò, Di Gaudio. A disposizione: Dini, Nardi, Anastasio, Di Cesare, Mazzocchi, Sierralta, Vacca, Baraye, Ciciretti, Frediani, Insigne. Allenatore: D’Aversa.
FROSINONE (3-5-2): Vigorito; Brighenti, Ariaudo, Terranova; M. Ciofani, Maiello, Chibsah, Konè, Beghetto; Ciano, Dionisi. A disposizione: Bardi, Zappino, Russo, Krajnc, Crivello, Besea, Matarese, Paganini, Sammarco, Gori, Frara, Soddimo, Citro. Allenatore: Longo.
Parma-Frosinone: le ultime dai campi ultima modifica: 2018-04-07T09:01:24+00:00 da Pasquale Ucciero
Ciao a tutti, sono Pasquale, ho 21 anni. Il calcio è la mia passione, per un ragazzo vedere un pallone che rotola non è un mero movimento meccanico, dietro di esso c'è molto di più: gioia, lacrime, sudore, divertimento, fatica, tensione, euforia, vittorie, delusioni e rispetto per l'avversario prima di tutto! Da "grande" mi piacerebbe fare il telecronista e il mio sogno nel cassetto è commentare una finale di Champions magari ad Anfield Road !!! Far parte di questa redazione per me è motivo di grande orgoglio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.