Pescara-Cremonese: le ultime dai campi

PESCARA –Due vittorie, un pareggio e due sconfitte nelle ultime cinque. Non un risultato esaltante, ma ovviamente il Pescara c’è e può ancora sognare i play off. Manca un po’ di consistenza in attacco, visto che i gol mancano rispetto a inizio campionato. Bovo e Proietti non sono stati convocati per via dei guai fisici. Il modulo sarà il 4-3-3, con Fiorillo in porta. Balzano, Campagnaro, Perrotta e Mazzotta agiranno sulla linea difensiva, con Carraro a gestire le operazioni in mezzo al campo. Valzania e Brugman agiranno a centrocampo, la prima punta sarà Pettinari. Yamga e Mancuso andranno sulle corsie esterne.

CREMONESE – Il match contro il Bari, nonostante il punteggio, ha evidenziato la forza di questa squadra. Convinzione e voglia di dimostrare ancora molto, ma c’è bisogno di tornare a vincere dopo quattro turni senza vittoria. Alberto Almici e Paulinho si sono regolarmente allenati con il resto dei compagni e sono stati convocati, Brighenti è assente per via di uno stiramento. Confermato il 4-3-1-2, con Ujkani in porta. Cinaglia, Canini, Claiton e Renzetti andranno in difesa, con Pesce vertice basso del centrocampo. Arini e Croce andranno a supporto, mentre sulla trequarti agirà Castrovilli. Paulinho e Scappini saranno i due attaccanti.

LE PROBABILI FORMAZIONI

PESCARA (4-3-3): Fiorillo; Balzano, Campagnaro, Perrotta, Mazzotta; Valzania, Carraro, Brugman; Yamga, Pettinari, Mancuso. A disposizione: Savelloni, Coda, Crescenzi, Fiamozzi, Gravillon, Coulibaly, Machin, Baez, Bunino, Capone, Cocco, Falco. Allenatore: Zdenek Zeman.

CREMONESE (4-3-1-2): Ujkani; Cinaglia, Canini, Claiton, Renzetti; Arini, Pesce, Croce; Castrovilli; Paulinho, Scappini. A disposizione: Almici, Cavion, Cinelli, D’Avino, Garcia Tena, Macek, Marconi, Perrulli, Piccolo, Procopio, Ravaglia, Sbrissa, Scamacca. Allenatore: Attilio Tesser.

Pescara-Cremonese: le ultime dai campi ultima modifica: 2018-02-24T09:16:30+02:00 da Pasquale Ucciero
Ciao a tutti, sono Pasquale, ho 21 anni. Il calcio è la mia passione, per un ragazzo vedere un pallone che rotola non è un mero movimento meccanico, dietro di esso c'è molto di più: gioia, lacrime, sudore, divertimento, fatica, tensione, euforia, vittorie, delusioni e rispetto per l'avversario prima di tutto! Da "grande" mi piacerebbe fare il telecronista e il mio sogno nel cassetto è commentare una finale di Champions magari ad Anfield Road !!! Far parte di questa redazione per me è motivo di grande orgoglio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.