Il Vicenza sbatte sui pali: 0 a 0 con il Benevento

VICENZA-BENEVENTO  –  Oggi al “Menti” è andata in scena una partita molto divertente che non ha concesso soste se non per i cambi e le ammonizioni (ben cinque). Il merito è soprattutto del Vicenza che cerca il varco del goal in ogni modo ma è troppo sprecone sottoporta. Nelle numerose occasioni create sono o un attento Cragno o i pali a dire di no, clamorosi quelli di Giacomelli, Bellomo e Raicevic poco cinico. I 13 punti di distacco in classifica non si sono visti e il Benevento ha fatto poco per vincere, provandoci con il solito Ciciretti, scuola Roma, oggi poco preciso. E’ un punto che serve a poco e rallenta la corsa delle due compagini. Se il Vicenza vuole salvarsi lo spirito è quello giusto, mentre il Benevento, deve seguire l’onda d’urto che l’ha portato fin qui a respirare ossigeno d’alta quota.

 

 

TABELLINO DEL MATCH

VICENZA (4-1-4-1): Benussi; Elia, Adejo, Esposito, Pucino; Urso, Orlando (dal 62′ s.t. Siega), Signori, Bellomo, Giacomelli (dal 71′ s.t. Galano); Raicevic (dall’82’ Cernigoi).

BENEVENTO (4-2-3-1): Cragno; Lopez, Lucioni, Padella, Venuti; Buzzegoli (dal 90′ s.t. Camporese), Chibsah; Jakimovski (dal 46′ s.t. De Falco), Falco, Ciciretti; Ceravolo (dal 72′ s.t. Puscas).

MARCATORI:

AMMONITI: Bellomo, Giacomelli, Urso (V); Lopez, Ceravolo (B).

ESPULSI:

Il Vicenza sbatte sui pali: 0 a 0 con il Benevento ultima modifica: 2016-11-26T17:05:43+00:00 da Pasquale Ucciero
Ciao a tutti, sono Pasquale, ho 19 anni, frequento la facoltà di Giurisprudenza (Federico II). Che dire di me: il calcio è la mia passione, per un ragazzo vedere un pallone che rotola non è un mero movimento meccanico, dietro di esso c'è molto di più: gioia, lacrime, sudore, divertimento, fatica, tensione, euforia, vittorie, delusioni e rispetto per l'avversario prima di tutto! Da "grande" mi piacerebbe fare il telecronista e il mio sogno nel cassetto è commentare una finale di Champions magari ad Anfield Road !!! Sono felice di far parte di questa redazione che può aiutarmi a fare esperienza e mettere insieme i primi mattoncini del puzzle.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *