Livorno, Breda: “Non voglio sentir parlare di fortuna. A Venezia per fare risultato”

BREDA LIVORNO – Vittoria importante per il Livorno di Roberto Breda quella arrivata quest’oggi contro la Juve Stabia. Ecco le dichiarazioni del tecnico raccolte da amaranta.it: “Non voglio sentir parlare di fortuna,  il gol è arrivato dopo che ci avevamo provato tantissime volte e in tutti i modi. Abbiamo fatto un gran secondo tempo e dopo il gol subìto i ragazzi hanno reagito creando tantissime palle gol e non rischiando praticamente niente. Adesso dobbiamo trovare continuità e fare risultato a Venezia. Ed è davvero un peccato aver perso quel punto a Cittadella perché farne 7 in 3 partite sarebbe stato importante. Le prestazioni ci sono sempre state, ci sono mancati i punti. E non è un dettaglio. Tuttavia sono convinto che questa squadra abbia ancora grandissimi margini di miglioramento. Oggi, per esempio, abbiamo visto una buona sintesi tra il Livorno brillane del primo tempo col Chievo e quello battagliero che ha vinto il derby. L’errore di Zima non mi preoccupa, gli sbagli fanno parte del gioco. La sostituzione di Di Gennaro è dovuta a una variazione dell’assetto tattico quando siamo passati a un 442 più sbilanciato in chiave offensiva. Non dimentichiamo che per un difensore la forma fisica è fondamentale e lui si porta ancora dietro i postumi del problema fisico che lo ha fermato qualche settimana fa“.

Livorno, Breda: “Non voglio sentir parlare di fortuna. A Venezia per fare risultato” ultima modifica: 2019-11-02T21:59:17+01:00 da Francesco Fedele
Classe '96, brividi al solo pensiero che diversi miei coetanei sono calciatori professionisti, starò invecchiando? Studente di Economia Aziendale, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta è stata "Gol" invece di papà o mamma. Ah, quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.