Brescia, Corini: “Siamo padroni del nostro destino”

LIVORNO-BRESCIA CORINI – Eugenio Corini, allenatore del Brescia, si è soffermato in conferenza stampa per parlare della partita contro il Livorno. Le sue dichiarazioni riportate da bresciaingol.com: “Dobbiamo solo adattarci inutile fare polemiche, ma alcmeno in questa settimana c’è una nota positiva che mi piace sottolineare: per la prima volta da quando alleno il Brescia ho avuto a disposizione tutti i 27 giocatori della rosa. Dobbiamo essere carichi, al “Picchi” ci aspetta una squadra agguerrita… Prima di queste ultime tre sconfitte consecutive stava facendo bene, mentre ora si ritrova in una zona pericolosa della classifica. Chi è partito per Livorno ha una grande responsabilità, gli otto invece che sono rimasti a casa devono continuare a lavorare come hanno sempre fatto. Le occasioni ci sono per tutti. Mi spiace sempre lasciare a casa qualcuno, tra l’altro Viviani ha avuto in questi mesi una crescita esponenziale, ma purtroppo devo fare delle scelte in base anche alla duttilità dei giocatori e al numero che ne posso portare in panchina. Non mi piace stravolgere la squadra, ma sono sempre attento ai particolari. Anche chi gioca poco quando ha la possibilità di entrare in campo s’inserisce subito molto bene nei meccanismi della squadra. E questa, è stata finora la nostra forza. Che dobbiamo mantenere in questo finale di campionato“.

Brescia, Corini: “Siamo padroni del nostro destino” ultima modifica: 2019-04-15T10:05:55+02:00 da Giacomo Principato
19 anni. (Aspirante) giornalista sportivo. Vive in quel di Siena, viaggia assiduamente ma solo con la mente. Fa parte di diversi progetti e redazioni dove esegue il proprio cammino verso un sogno con la massima professionalità. Dipendente dal mondo calcistico, indipendentemente dalla categoria. Interviste su interviste, ma sa fare anche altro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.