Ascoli-Reggiana, Meraviglia non ha mai mimato il segno del VAR: la ricostruzione

MERAVIGLIA VAR ASCOLI REGGIANA – Ha destato particolare stupore quanto accaduto ieri sera a nel recupero del match del “Del Duca” tra Ascoli e Reggiana, terminato 2-1 in favore dei marchigiani. Al 94′ della gara, infatti, i granata trovano il clamoroso goal del pari con Kargbo ma la rete del 2-2 viene annullata per fuorigioco tra le veementi proteste degli ospiti.

A decretare la mancata convalida della marcatura emiliana è il guardalinee ma ad attirare l’attenzione è il comportamento del direttore di gara Francesco Meraviglia che, come ironicamente ed erroneamente riportato da parte di tantissime testate, sembra mimare il gesto del VAR. Cosa del tutto priva di senso, perchè in cadetteria il medesimo strumento tecnologico di assistenza agli arbitri non è ancora stato introdotto. Per molti un innocente lapsus su cui riderci sopra ma, in realtà, le cose sono andate diversamente.

Come leggiamo su MondoSportivo.it, infatti, il Sig.Meraviglia non ha mai mimato il fatidico segno del VAR: guardando attentamente il video l’arbitro di Pistoia, infatti, porta semplicemente gli indici al cielo facendo esplicitamente segno che la rete non è valida riportando poi immediatamente giù le braccia e dando solamente l’impressione di invocare il ricorso alla video assistenza.

Come spiegato anche dall’ex arbitro Luca Marelli, si tratta soltanto di “un gesto equivocabile da parte di un arbitro inesperto nella categoria, abituato a gesticolare parecchio in Serie C”. 

 

22 anni, vivo e studio a Catanzaro. Amante a 360 gradi dello sport più bello del mondo: calcio internazionale, Serie A, B e C sono il mio ossigeno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.