Palermo, Rispoli: “Siamo rammaricati, abbiamo giocato bene. Sul mio futuro…”

RISPOLI PALERMO – Andrea Rispoli, difensore del Palermo, è intervenuto ai microfoni di DAZN al termine del pareggio contro il Cosenza. Ecco le sue dichiarazioni riprese dal sito ufficiale dei rosanero: “C’è un po’ di rammarico perché la squadra ha giocato bene, ha lottato e ha corso contro un avversario difficile da affrontare in questo campo. C’è un po’ di amarezza ma mancano ancora otto partite per fare bottino pieno. Si possono fare dei calcoli approssimativi ma dobbiamo ragionare partita dopo partita e cercare di ottenere il maggior numero di vittorie. A livello difensivo possiamo fare qualcosa di più ma la squadra in ogni reparto sta seguendo ogni indicazione del mister che naturalmente pretende da noi sempre il massimo. Avere tanti nazionali significa poter contare su un organico di livello – ha proseguito il numero 3 rosanero – anche se si può perdere qualcosa dal punto di vista delle energie. Anche oggi però abbiamo dimostrato di essere all’altezza. Adesso arriva un momento importante della stagione e le pretendenti per andare in Serie A sono tante, ma noi ce la giocheremo fino alla fine. Io cerco di fare sempre del mio meglio e chiunque verrà impiegato a Pescara darà il massimo. Sono a Palermo da diversi anni e i tifosi sono sempre stati al nostro fianco. Per noi questo è un onore e vogliamo regalargli la soddisfazione della Serie A. È chiaro che segnare fa piacere, ma il mio obiettivo resta quello della squadra. Io sono pronto a restare a Palermo, città nella quale vivrò, poi deciderà il club. Sposerò una palermitana e spero in un futuro rosanero, come quello che merita la piazza palermitana“.

Palermo, Rispoli: “Siamo rammaricati, abbiamo giocato bene. Sul mio futuro…” ultima modifica: 2019-03-30T18:29:25+01:00 da Francesco Fedele
Classe '96, brividi al solo pensiero che diversi miei coetanei sono calciatori professionisti, starò invecchiando? Studente di Economia Aziendale, italiano di nascita ma cittadinanza napoletana, appassionato di calcio a tal punto che la prima parola detta è stata "Gol" invece di papà o mamma. Ah, quando ho tempo scrivo, o almeno ci provo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.